MontagneTicinesi.ch

Monte Generoso



Information

Date: 23.05.2010
Duration: 8 hours
Difference in height: 1400 m
Length: 12 km
Kilometers effort: 30.7 kmef

Difficulties

SAC-CAS hiking scale Da Rovio fino al Prato di Pioda.
SAC-CAS hiking scale Dal Prato di Pioda fino al Rifugio Perostabbio e poi fino a quota 1380 metri.
SAC-CAS hiking scale Da quota 1380 metri fino alle prime corde a quota 1580 metri.
SAC-CAS hiking scale Da quota 1580 metri fino alla bocchetta a quota 1652 metri.
SAC-CAS hiking scale Da quota 1652 metri fino alla vetta del Monte Generoso (via diretta).
SAC-CAS hiking scale Dalla cima del Monte Generoso fino a Rovio (ancora T1 il tratto su strada).

Comment

Questa gita descrive la famosa via della variante che dal Perostabbio sale direttamente sul Monte Generoso. Si può lasciare la macchina appena sotto Rovio, in un ampio parcheggio. Da li si attraversa il paese e si comincia a salire lungo una stradina non asfaltata fino alla Cappella di Soldino che si passa a sinistra. Si continua poi sempre sulla strada fino al ponte sotto il Prato di Pioda, superato il quale si comincia a salire lungo un sentiero poco marcato. A quota 700 metri il sentiero si divide in due varianti. Una, quella ufficiale visto alcuni vecchi segni bianchi-rossi presenti, sale a zig-zag ed è a tratti abbastanza ripida. Purtroppo è piena di alberi caduti che obbligano a numerose deviazioni ma è comunque la migliore da seguire quando si sale. L'altra variante è un po' meno visibile, sale più diretta della prima ed è quindi ancora più ripida di essa. Questo sentierino è segnalato ogni tanto da nastri bianchi e/o blu. Arrivati a quota 950 metri i due sentieri si fondono e si continua, sempre in pendenza, a salire fino al Rifugio Perostabbio. Dal rifugio si segue ancora il sentiero nel bosco fino a quota 1400 metri circa dove finalmente cominciano i prati e la vista può spaziare fino ai 4000 vallesani. Qui però il sentiero si fa un po' meno visibile, un po' più ripido e bisogna fare più attenzione a dove si mettono i piedi. Sono presenti anche alcuni passaggi di I grado. Arrivati a quota 1500 metri il sentiero diventa più pianeggiante e 80 metri circa più in alto arrivano le prime corde. Qui il sentiero si fa più difficile. Le prime corde sono utili ma non indispensabili. Dalla passerella (foto "Sentiero 10") in poi invece sarebbe un azzardo salire senza di esse. In alcuni passaggi ci si può tenere solo a loro. Dal ponticello appena citato è possibile vedere finalmente la famosa Casa della Marchesa. Questa casetta venne fatta costruire da una Marchesa italiana che cercava un posto tranquillo e lontano dalla gente dove riposare e meditare. Forse all'epoca il posto era più tranquillo ma vista l'enorme quantità di turisti incontrati in zona durante la gita, credo che oggi ci sarebbe poco da stare tranquilli in quella casa. Ultimamente è da notare la posa di un tetto, non bellissimo ma meglio di niente, che probabilmente preannuncia dei futuri restauri. Il primo passaggio un po' critico è visibile nelle foto Sentiero 10 e 11. Il secondo nelle foto Sentiero 11 e 12. Il terzo nelle foto Sentiero 13 e 14. L'ultimo passaggio, il meno difficile, nella foto Sentiero 15. Superati questi passaggi si arriva infine alla bocchetta di quota 1652 metri, posta fra il Monte Generoso e il Baraghetto. A questo punto è possibile salire in vetta per la via diretta, più facile e meglio mantenuta del pezzo di sentiero precedente. Sul Baraghetto invece parte la via ferrata Angelino che collega la cima (quota 1694 metri) all'anticima (quota 1659 metri) ed è stata appena rinnovata e riaperta. Il sentiero prosegue poi verso la Cima della Piancaccia e la Cima dei Torrioni. Poco prima di arrivare alla Cima Crocetta taglia a sinistra e scende poi fino al prato di Salera e poi da qui di nuovo a Rovio. Da notare il fatto che lungo tutto il percorso non c'è acqua. A Rovio vi sono numerose fontane e poi più niente fino al ristorante del Monte Generoso dove, o si paga, o si prende l'acqua dai lavandini nei wc.

Automatic translation in english

This tour describes the famous route of the variant that goes from Perostabbio directly to Monte Generoso. You can leave the car just under Rovio, in a large parking lot. From there you cross the village and you start to climb along a dirt road until the Chapel of Soldino that you pass to the left. Then continue on the road until the bridge under the Prato di Pioda, after which you begin to climb along an unmarked path. At 700 meters the path is divided into two variants. One, the official one seen some old white-red signs present, zig-zag salt and is sometimes quite steep. Unfortunately it is full of fallen trees that oblige many diversions but it is still the best to follow when climbing. The other variant is a little less visible, rises more directly than the first and is therefore even steeper than it. This trail is occasionally marked by white and / or blue ribbons. Once you reach 950 meters, the two paths merge and continue, always on a slope, to climb up to the Perostabbio Refuge. From the hut, follow the path through the woods until about 1400 meters where the meadows finally begin and the view can range up to 4000 Valais. Here, however, the path becomes a little less visible, a little steeper and you have to pay more attention to where you put your feet. There are also some first grade steps. When you reach 1500 meters, the trail becomes more flat and about 80 meters higher the first strings arrive. Here the path becomes more difficult. The first ropes are useful but not indispensable. From the catwalk (photo "Sentiero 10") onwards it would be a gamble to climb without them. In some steps you can only keep them. From the bridge just mentioned, you can finally see the famous Casa della Marchesa. This little house was built by an Italian Marchesa who was looking for a quiet place, far from the people where she could rest and meditate. Maybe at the time the place was quieter but given the huge amount of tourists encountered in the area during the trip, I think today there would be little to be quiet in that house. Lately it has to be noted the laying of a roof, not beautiful but better than nothing, which probably heralds future restorations. The first passage a bit 'critical is visible in the photos Path 10 and 11. The second in the photos Path 11 and 12. The third in the photos Path 13 and 14. The last step, the least difficult, in the photo Trail 15. Exceeded these passages finally arrive at the mouth of 1652 meters, located between the Monte Generoso and the Baraghetto. At this point it is possible to climb to the top for the direct way, easier and better maintained than the previous piece of trail. On the Baraghetto instead starts the via ferrata Angelino that connects the summit (altitude 1694 meters) to the antic (altitude 1659 meters) and has just been renewed and reopened. The trail then continues towards the Cima della Piancaccia and the Cima dei Torrioni. Shortly before arriving at Cima Crocetta it cuts to the left and then descends to the Salera meadow and then from here back to Rovio. Note the fact that there is no water along the way. In Rovio there are many fountains and then nothing more until the restaurant of Monte Generoso where, or you pay, or take the water from the sinks in the toilet.



Leave your name/nickname *


Leave your message *

* Required fields

Comments (0)

Go back

Rifugio Perostabbio

  • Rifugio Perostabbio
  • Sentiero
  • Vallone
  • Il Cammello
  • Sentiero 2
  • Sentiero 3
  • Parete Rocciosa
  • Sentiero 4
  • Sentiero 5
  • Sentiero 6
  • Monte Generoso
  • Sentiero 7
  • Sentiero 8
  • Fungo di Roccia
  • Sentiero 9
  • Sentiero 10
  • Sentiero 11
  • Sentiero 12
  • Sentiero 13
  • Sentiero 14
  • Sentiero 15
  • Fungo Svizzero
  • Monte Generoso
  • Cima del Monte Generoso
  • Casa della Marchesa
  • Via Ferrata Angelino
  • Croce sul Baraghetto
  • Via Ferrata Angelino